Educazione cane

DOMANDA:
Buongiorno, volevo sapere se è possibile riuscire ad educare un cane adulto a fare i bisognini anche in casa sulle traversine. A volte capita infatti che non riesco a tornare a casa durante la pausa pranzo e quindi ho paura che non riesca a trattenersi fino a sera..grazie. Romina

RISPOSTA:
Gent.ma Romina, certamente è possibile...si tratta di seguire l'evento nel fine settimana quando puoi osservare post pasti le reazioni del tuo cane. Come sicuramente sai oltre ai bisogni post pasti le evacuazioni sono motivate anche dagli stimoli che il cane cerca con l'olfatto... quindi una corretta osservazione del suo comportamento ti sensibilizzerà ad da farsi. Con nostalgia mi fai venire in mente i bei tempi di quando lavoravo, io vivo da solo in una casa in campagna e i miei cani (tenuti in ampio box in quanto temevo che i maleintezionati me li avvelenassero) mi attendevano alla sera al mio ritorno dal lavoro... fuori subito per la passeggiata e poi in abitazione con me. Per quanto ovvio li abituavo nel fine settimana o prendevo giorni di ferie quando li portavo a casa, la pazienza mi era amica nell'osservare le loro abitudini e poi il risultato non mancava.

Leggi tutto...

Brutto spavento

DOMANDA:
Buonasera, ho un problema con il mio chiuhauha di 4 anni, un pomeriggio giocava a palla quando improvvisamente un forte pianto e dolore ci fa scappare tutti fuori a vedere cosa succedeva al cagnolino... e lui che gridava dal dolore o per uno strappo o una slogatura della rotula della zampetta sinistra posteriore. Da questo momento in poi il cane si rifugia sempre nella sua cuccia notturna ed x 2 giorni non è uscito completamente neanche per mangiare o per fare i bisogni. La terapia antifiammatoria va avanti e nella visita del veterinario non c è nulla di grave, rotula uscita ed infiammazione, purtroppo con il fatto che non esce x paura non fa più i bisogni e si sta bloccando dalla pipi che faceva ogni 2 ore ora la fa ogni 10 ore ed anche le feci, e se non mettevo la glicerina dopo 3 giorni ancora non ne avrebbe fatto, cmq sia x me non è una bella situazione. Adesso sono passati 4 giorni dal fattaccio e la cura sembra fare qualche effetto anche se ogni tanto rialza la zampette. Carissimo sig Esperto in cani mi rivolgo a lei perché mi sono accorto che il cane cammina... il cane quando vede ad esempio il suo trasportino salta fa girate su se stesso però se devo portarlo fuori come lo porto da 4 anni lui nel momento di venire avvicina alla porta ma appena deve superare la soglia fra l interno della casa e l esterno della casa lui si ferma si gira, alza la gamba come se si facesse male e rientra in cuccia e non vuole uscire più... io non riesco a capire se lo fa apposta oppure pensa al forte dolore che ha sentito e quindi ricorda il momento è non vuole uscire, oppure realmente ancora ha qualcosa che gli fa male. Capita pure che riesco a farlo uscire a farlo passeggiare ma non fa nessun bisogno perché si tiene o per paura di farsi male ecc ecc, ci sono momenti che cammina bene ma poi si ferma alza la gambetta e vuole essere preso addosso e non fa neanche un bisogno e quindi sono un po' preoccupato non quanto per la gamba ma perché potrebbe bloccarsi. Domani avrò un altra visita dal medico per questione di tranquillizzarmi io e anche per scrupolo, ma cosa devo fare con questi comportamenti??per i bisogni è possibile che la paura riesce a farlo bloccare??? chiedo aiuto per trovare una soluzione e vi porgo i miei saluti ed io mio grazie anticipatamente.

RISPOSTA:
Gent.ma Cinofila, il caso è importante e con molta umiltà (forma consapevole di intelligenza) rientriamo nel caso in cui solo un Medico Veterinario Comportamentalista può " forse " risolvere il caso. Attenzione al Professionista a cui si rivolgerà, siamo in un mondo dove il Master specifico sul comportamento del cane deve essere unito anche all'esperienza "vissuta" con i cani e quindi come dice il filosofo E.Kant " la teoria senza la pratica è vuota, la pratica senza la teoria è cieca " . Fatta questa premessa io mi permetto consigliare la dottoressa Maria Elisa Cestarollo, il motivo del mio consiglio è perché la conoscenza ha avuto la sua genesi quando da studentessa universitaria veniva ad educare il suo cane ne Centro dove io avevo il ruolo di Istruttore e poi nel presente una fattiva collaborazione in serate informative/culturali a cinofili ed una operatività in cui le sinergie del Medico Veterinari Comportamentalista si univano all'Educatore Cinofilo. Resto a sua disposizione e con l'avidità della costante conoscenza desidero sapere il prosieguo dell'episodio...grazie.

Leggi tutto...

Nuovo arrivo difficile

DOMANDA:
Buonasera. Tre settimane fa ho preso una cucciola meticcia (simil pincher fulva) di circa 5 mesi. So che nel mese precedente ha vissuto in una gabbia. Da quando l'ho presa in casa non fa altro che ringhiare ed abbaiare a tutti gi uomini che entrano in casa e anche a mio padre che vive con me. Con le donne questo non accade. Non so cosa fare per la disperazione. Ho provato ignorando l'abbaio, cercando di premiarla con un biscottino se smette ma risultati zero. Non sappiamo più come approcciare per farla stare calma. Cosa mi consiglia?

RISPOSTA:
Gent.ma Cinofila, mi scuso per il ritardo...anche se la sua descrizione é attenta bisognerebbe vedere dal vivo la sua cucciola. Fa riflettere il fatto che il canile che l'ha consegnata non sia in grado (conoscendo il soggetto) di dare un consiglo esaustivo. Inoltre il pre-affido, di cui io mi occupo come Volontario E.N.P.A. prevede un percorso propedeutico all'affido stesso (per ragioni delle caratteristiche della comunicazione "via email" mi sarebbe complicato descrivere).
Il fatto di vivere in una gabbia (se... gestita come territorio... e con il giusto tempo da dedicare al cane) non è situazione negativa... ripeto... si tratta di saper gestire il cane in gabbia nella maniera rispettosa del concetto della "territorialià" e quindi... ripeto... quando la si libera avere la sensibilità di stare col cane.
L'abbaio/ringhio... è da valutare il tipo di vocalizzazione e quindi capirne il linguagio... sintetizzando mi permetto dare questo consiglio:
"Ok ignorare l'abbaio... ma potrebbe anche dare fastidio...!!! Tenere il cane in un luogo appartato e quando stà con Voi in casa lasciare il guinzaglio attacato al cane... se abbaia prendere il guinzaglio... e senza strattoni o tensione del guinzaglio stesso rimproverare con toni autorevoli (non autoritari) e non gridare.
La logica del guinzaglio attaccato è comunicare fisicamente con cane senza aggredirlo con le mani, braccia e quindi entrare in conflitto... attendere che sia il cane a cercarvi... non andate voi dal cane... viene modificato il ruolo sulla socializzazione "voi diventate il cane animale sociale che ha bisogno di comunicare".
Mai premiare quando abbaia, eventualmente usare una bottiglietta di acqua (vuota) con dentro delle chiavi vecchie e quando il cane abbaia gettare (senza farsi vedere) la bottiglietta in area cane (no colpirlo) e aggiungere la parola no.
Resto a disposizione anche se per la mia esperienza - insisto - sono certo che l'assenza del percorso pre-affido è grave, insisto bisognerebbe vedere il cane...

Leggi tutto...

Nuovo arrivo

DOMANDA:
Buongiorno, ho da poco adottato un cucciolo di pitbull di 3 mesi. Arriverá in famiglia il giorno 2/08 e, ad attenderlo, oltre a me e la mia compagna, ci sarà Ray un volpino di 11 anni. L'idea di farlo crescere con Ray (cane educato ed equilibrato) mi riempie di gioia, ma ho una perplessità: vorrei comperare un recinto abbastanza grande da contenere il cucciolo, le ciotole con l'acqua e la sua cuccia per farlo stare tranquillo la notte ed in nostra assenza, ma ho il timore che lasciando il cucciolo dentro il recinto ed il grande fuori possano crearsi dei conflitti tra di loro. Grazie per i consigli. Alessandro

RISPOSTA:
Buongiorno Alessandro, non è semplice dare una risposta alla tua domanda via email in quanto l'argomento merita uno spazio che la corrispondenza internet non mi consentirebbe di darti.
Comunque cercando di esserti di aiuto e sintetizzando :
- dovresti informarti sulla peculiarità della razza pitbull per una doverosa conoscenza e presa di consapevolezza delle caratteristiche della razza;
- il cucciolo che hai adottato è stato esame di test visitando la cucciolata?
- la scelta di un maschio è mirata a una tua esigenza?
- la scelta del maschio ha tenuto conto della convivenza con il volpino di anni 11?
- le caratteristiche - che tu sicuramente conosci del tuo volpino - evidenziano la sua gerarchia? È dominante? È territoriale? Ha già avuto contatti con altri cani maschi cuccioli cuccioloni e adulti...? Come si è comportato...?
- quando tu mi comunichi il desiderio della convivenza con Ray (cane educato ed equilibrato) cosa intendi per "educato"? Cosa intendi per equilibrato?
- lasciare un cucciolo solo in recito e il vecchio fuori effettivamente è giusto il tuo timore.
Come vedi l'interrogativi che mi pongo e che ti pongo (per poterti essere di aiuto... senza sparare consigli a caso) sono moltissimi in quanto la tua scelta mi sembra (posso sbagliarmi) spinta più da esigenze emozionali che da una consapevolezza di come due soggetti maschi e di razze con caratteristiche "dominanti" (indipendentemente dalla loro mole diversa) possano convivere insieme.
Fatte le dovute eccezioni la scelta mi sembra un po azzardata.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

NewsletterIscriviti alla nostra newsletter per rimanere informato sui nostri Eventi

Contatti Mettiti in contatto con noi

Acconsento al Trattamento dei dati personali secondo le condizioni espresse nella Privacy Policy.

EventsForDog

Per contatti commerciali chiamare:

Cel.: 342.0408496

Scopri con noi come divertirti con il tuo cane

FacebookRSS

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookies installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Chiudendo questo banner, continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies. Per saperne di piu'

x